Come scegliere l’elettrostimolatore per tonificare i muscoli

L’elettrostimolatore è uno strumento molto utile nel campo della riabilitazione, oppure in campo sportivo, per la tonificazione di muscoli. Gli atleti lo usano principalmente per tonificare glutei, addome, braccia, e gambe, per ottenere risultati molto più facilmente che utilizzando vari macchinari in palestra. Gli elettrostimolatori sono sempre più diffusi, specie tra gli atleti, e tra coloro che danno più importanza all’aspetto fisico piuttosto che alla preparazione atletica. X Power è una tra le marche più diffuse di elettrostimolatori, poiché lo si trova in varie versioni per tonificare i muscoli di determinate parti del corpo. X Power offre ben tre modelli di elettrostimolatore per tonificare tutto il corpo: x Power addominali, x Power braccia, x Power glutei.

Non bisogna pensare che gli stimolatori sostituiscano l’attività fisica, anzi, dovrebbero essere usati in sinergia con questa per migliorare non solo il tono muscolare, ma anche la preparazione atletica.

Gli elettrostimolatori sono dotati di elettrodi da applicare in determinate zone del corpo e, attraverso impulsi elettrici, stimolano la muscolatura. I muscoli, quindi, lavorano proprio come se si facesse attività fisica. Tuttavia, non tutti gli elettrostimolatori sono uguali, e prima di scegliere quello che fa al caso proprio, è bene fare un confronto tra i vari modelli in commercio, oppure farsi consigliare da un professionista del settore. Ogni modello è pensato per un diverso utilizzo, e non tutti hanno le stesse caratteristiche.

Gli elettrostimolatori si differenziano per utilizzo: esistono gli elettrostimolatori professionali, consigliati da preparatori atletici e fisioterapisti, quelli pensati per i muscoli delle gambe, quelli per i glutei, quelli per l’addome, e infine gli elettrostimolatori per le braccia.

Elettrostimolatori professionali

L’elettrostimolatore professionale è un prodotto di alta qualità, pensato per migliorare la tonicità muscolatura dopo un trauma. Eliminano le contratture e tonificano i muscoli, grazie ad un sistema brevettato chiamato Waims System.

Questi elettrostimolatori sono pensati per ogni parte del corpo, sia per gambe e glutei, che per braccia e addome. Gli elettrodi forniscono impulsi elettrici che fanno lavorare in modo passivo il muscolo, e lo stimolano dal basso verso l’alto favorendo anche la circolazione sanguigna, e il drenaggio. Sono ottimi quindi per contrastare la cellulite, oppure per risolvere tutti quei problemi muscolari legati ad una cattiva circolazione sanguigna. Alcuni modelli di stimolatore hanno anche la funzione brucia grassi, e con particolari pulsazioni permettono di sciogliere il grasso in modo passivo, permettendo di ridurre, sebbene minimamente, il giro vita e/o il giro coscia.

Elettrostimolatori per i glutei

Questi elettrostimolatori hanno una forma pensata per le natiche, per utilizzarli anche facendo attività fisica e modellare al meglio i propri glutei. Sono pensati appositamente per gli atleti, ma se non abbinati all’attività fisica, forniscono un risultato puramente estetico. Possono essere usati facilmente in casa o fuori casa grazie alla loro forma e al fatto che si adattano perfettamente al corpo.

Elettrostimolatori per addome

La loro forma è fatta per avvolgere l’addome, e per tonificare contemporaneamente addominali alti, bassi, e laterali. Alcuni modelli possono essere utilizzati anche in altre aree del corpo poiché sono dotati di molteplici funzioni, così da poter tonificare anche gambe e braccia con un unico elettrostimolatore. Potenziano i muscoli dell’addome attraverso micro-scariche elettriche, e accompagnando dieta salutare e sana attività fisica si possono ottenere addominali scolpiti senza fatica.

Le principali caratteristiche degli elettrostimolatori

Una delle principali caratteristiche da tener conto prima di scegliere l’elettrostimolatore, oltre al modello, è sicuramente la frequenza utilizzata. Nella maggior parte degli apparecchi in commercio, questo dato è preimpostato, e per questo motivo è importante sceglierne uno con una buona frequenza base per ottenere la giusta intensità negli impulsi elettrici.

Gli elettrodi sono la componente essenziale di un elettrostimolatore. Pertanto, questi dovranno essere comodi da applicare, e semplici da attaccare alla pelle. È meglio scegliere degli elettrodi che siano riutilizzabili, e che siano autoadesivi sulla pelle.

Infine, bisogna valutare la quantità di programmi e funzioni offerte dal dispositivo. Un buon elettrostimolatore dovrebbe avere infatti diversi programmi di allenamento, che si distinguano in allenamento di forza oppure di resistenza. Gli elettrostimolatori professionali, poi, hanno anche funzioni di riabilitazione, fisioterapia, e per infortuni.