Servizi dentistici: come mantenere denti sani e belli a prezzi convenienti

Andare dal dentista non deve essere per forza visto come un onere sgradevole: avere un sorriso sano senza pensieri, equivale anche a vivere più sereni. A volte, però, non è la visita in sé a incutere un certo timore, quanto l’idea che si debba sostenere una spesa importante. Fortunatamente, esistono servizi dentistici altamente professionali dove, all’estrema cortesia, equivale anche una convenienza maggiore.

A questo proposito, per contenere i costi delle prestazioni, senza rinunciare alla qualità delle tecniche utilizzate e alla professionalità e competenza del personale medico, sono sempre di più le persone che decidono di recarsi in Croazia per curare problemi dentali. Qui è possibile trovare cliniche all’avanguardia, come Dentalsan, che mettono a disposizione dei clienti numerosi servizi a prezzi accessibili. Basta visitare questo sito per rendersi conto della qualità delle prestazioni offerte recandosi in un Paese come la Croazia.

Dalla prima visita alla diagnosi

Questa tipologia di servizio è strutturata in modo da offrire innanzitutto una prima visita gratuita: l’approccio diagnostico di un dentista serio dovrebbe essere sempre fatto a 360°, al fine di individuare il problema e proporre tutte le alternative al paziente. Che si tratti di curare una semplice carie o di realizzare un impianto fisso, sarà cura dello specialista mettere l’utente a proprio agio e fugare ogni dubbio in merito.

Il primo passo per avere denti sani, quindi, è instaurare un rapporto di fiducia con il professionista cui ci si affida. Potrà essere effettuata una radiografia panoramica perché siano interamente visibili l’arcata superiore e quella inferiore, valutare la salute generale di denti e gengive e persino fare prove di masticazione. Solo dopo aver fatto una valutazione generale e approfondite le criticità, il dentista potrà rilasciare diagnosi, proporre soluzioni e anche fare un preventivo corretto.

Quando si decide di affidarsi a un servizio estero, come nel caso della Croazia, questa prima visita potrebbe anche essere effettuata in Italia in un centro accreditato per poi prevedere il resto delle cure nel Paese di destinazione con risparmio fino al 70%.

Curare una carie

A tutti può capitare di avere una carie, ma non sempre ci si accorge del problema. In una prima visita di controllo, specie in presenza di ortopanoramica completa, potrebbero venire alla luce carie di piccola entità oppure ben nascoste, come le cosiddette interstiziali, che dovranno essere accuratamente rimosse prima di approfondirsi e intaccare la polpa, con conseguente dolore, sensibilità e persino indebolimento del dente.

Con una piccola anestesia e gli strumenti adeguati, la carie sarà rimossa ma la parte intaccata dovrà essere “riempita” con la cosiddetta otturazione. Questa seconda fase sarà determinante per tornare ad avere denti sani, perché il materiale (solitamente resine o amalgama di argento) andrà a coprirla completamente così da non far infiltrare residui di cibo o bevande. Le otturazioni migliori si chiamano anche intarsi dentali, perché viene fatto prima un calco preciso della corona o dell’intero dente, così da adattarsi perfettamente alla superficie.

Impianti e protesi

Tra gli interventi più impegnativi e costosi, però, figurano certamente le protesi o gli impianti. Quando i denti mancano o sono gravemente danneggiati, devono essere sostituiti e ci sono svariati modi per farlo: un centro dentale specializzato che offra prezzi convenienti si rivela certamente l’ideale in ogni caso.

Un impianto dentale deve essere letteralmente costruito nell’osso della mandibola e sarà necessario creare una struttura stabile per accogliere corone, ponti o le stesse protesi. L’intera operazione dipenderà da svariati fattori che il professionista andrà a valutare, quali ad esempio lo spazio disponibile, la presenza di denti vicini su cui “appoggiare” parte dell’impianto e la salute stessa dell’osso.

Le sedute prevedono non solo la presa di un calco per iniziare, ma anche l’applicazione di eventuali protesi provvisorie per poi passare a quelle definitive. Per definizione la protesi potrà, infine, essere fissa o mobile, a seconda della necessità di rimuoverla o meno.