Palestra in casa: come realizzarla? Vantaggi, svantaggi e costi

Ci sono alcuni giorni in cui proprio non abbiamo voglia di andare a chiuderci in una palestra piena di persone, a volte magari non abbiamo tempo di uscire, oppure non possiamo fare attività fisica all’aperto per via del freddo o della pioggia.

Un modo interessante per non perdere la voglia di allenarsi potrebbe essere quello di creare una palestra a casa, ovvero adibire uno spazio nella propria abitazione appositamente all’allenamento fisico. L’home fitness è diventato una grande tendenza, molto amata per la praticità del non doversi spostare e per la totale flessibilità di orari e durata di allenamento.

Come realizzare una palestra in casa e quanto costa

Per andare a creare la propria palestra casalinga è necessario, per prima cosa, valutare quanto spazio abbiamo a disposizione e quanto budget, due elementi chiave per decidere che tipo di spazio andremo a costruirci.

Dobbiamo tenere a mente che è molto importante curare l’ambiente in cui si decidono di svolgere gli esercizi: inserire degli specchi potrebbe aiutare a controllare se svolgiamo i movimenti in modo corretto, mentre un’adeguata illuminazione rende l’ambiente più sicuro e stimolante.

Fondamentali sono anche la ventilazione, perché una stanza per arieggiata evita ristagno di odori e migliora anche l’ossigenazione, e la pavimentazione, che deve essere confortevole così da evitare di infortunare parti del corpo. Aggiungete una buona selezione di attrezzi e uno stereo potente, ed ecco che avrete la vostra palestra personale!

Ma cosa non deve mancare per avere una palestra casalinga davvero completa? Un macchinario tra i meno cari, e che permette tantissimi esercizi diversi, è la panca regolabile, davvero utile e versatile per allenare la maggior parte dei muscoli.

Non può mancare anche uno step, base perfetta sia per una sessione di riscaldamento, sia per lavorare concentrandoci su gambe e glutei con l’azione di salire e scendere, sia per svolgere esercizi mirati al rinforzo degli addominali.

Indispensabili anche diversi set di pesetti e un tappetino di gomma per gli esercizi a terra, a cui si può aggiungere volendo una fitball, una palla da fitness eccezionale per lavorare sugli addominali, ma che si presta a diversi esercizi di potenziamento muscolare.

Con una spesa di circa 200/300 euro riuscirete, quindi, ad avere degli attrezzi base per delle ottime sessioni di allenamento. Se avete possibilità di spendere di più, potete aggiungere a questi elementi base alcuni macchinari molto utili, come il tapis roulant, la bici stazionaria o la bici ellittica, degli attrezzi eccellenti ma più costosi: il prezzo minimo per ciascuno, infatti, è di almeno 300 euro.

Vantaggi e svantaggi dell’home fitness

L’home fitness ha sicuramente dei grandi vantaggi, tra cui:

  • Un notevole risparmio del tempo e una grande ottimizzazione, dato che per allenarsi non si lascia nemmeno la propria abitazione e non si devono dividere gli attrezzi con altre persone.
  • Grande flessibilità negli orari.
  • Dopo la spesa iniziale di allestimento della palestra, un buon risparmio di soldi sull’abbonamento in palestra.

Tra i più grandi svantaggi di questo tipo di scelta, invece, c’è sicuramente quello di non essere seguiti da una persona qualificata, e quindi fare movimenti scorretti o programmi di esercizio non adatti a noi.

Inoltre, a casa è più facile che subentri la pigrizia, e quindi per sfruttare al meglio l’home fitness bisogna essere dotati di una grande forza di volontà.