Mangiare riso crudo fa bene?

Il crudismo è una pratica alimentare che ha delle motivazioni salutiste, ambientaliste e religiose. Chi segue un regime alimentare del genere, deve assicurarsi di consumare degli alimenti crudi, di stagione e genuine, provenienti soprattutto da coltivazioni ed allevamenti biologici. E alcuni si chiedono se è possibile mangiare anche il riso crudo e se faccia bene.

Le proprietà del riso

Questo cereale, appartenete alla famiglia delle Graminacee, ed ha un alto contenuto di zuccheri (77,18) costituiti da amidi, e rispetto ad altri cereali sono più piccoli e facilmente digeribili, e quindo li rende più digeribili, perché sono facilmente attaccati dai succhi gastrici e vengono assorbiti facilmente dall’intestino.

Oltre agli zuccheri, è formato da proteine (7 %), acqua (13 %), sali mineri e vitamine del gruppo B. La sua crusca contiene fibre e una sostanza, il gamma oryzanolo, che riduce i livelli di colesterolo nel sangue.

Ciò ne fa un alimento energetico, dalle proprietà astringenti, capace di riequilibrare i livelli di colesterolo, combattere l’ipertensione e riequilibrare le funzioni del fegato, depurando così l’organismo. Tuttavia, questo vale soprattutto per il riso integrale, perché il riso brillato è privo delle vitamine del gruppo B.

E’ consigliabile mangiarlo crudo?

Di sicuro, un alimento mantiene molte delle sue proprietà nutritive ed organolettiche se rimane crudo. Per quanto riguarda il riso, è di sicuro meglio consumare quello integrale, crudo o cotto che sia.

In teoria, consumare il riso crudo può fare bene, perché un cereale altamente digeribile e nutriente, in grado di regolare la flora batterica dell’intestino, ma non andrebbe consumato tutti i giorni e alla sua assunzione dovrebbe essere abbinata alla quantità giusta di acqua.

La domanda è: come mangiare il riso crudo? In molti preferiscono consumarlo a colazione, frullandolo e facendone una crema, adatta anche per gli soffre di celachia.

Naturalmente, bisogna considerare anche il tipo di riso che si vuole mangiare. Un buona qualità da consumare cruda è il riso nero venere, coltivato in Italia in selezionate aziende agricole del Piemonte e della Sardegna, e presenta una grande quantità di amido, fibre e vitamine del gruppo B, ed è scarso di proteine ed acidi grassi. In molte ricette, si consiglia di usarlo per fare una sorta di insalata, usando i condimenti giusti.

In conclusione, il riso crudo può essere un ottimo alimento da inserire nella propria dieta, se si consuma nelle quantità giuste, senza dimenticare di assumere la giusta dose di acqua, grazie alle sue proprietà nutritive.