Inter-Juventus si avvicina, anteprima della super sfida di Serie A

Il posticipo dell’ottava giornata di Serie A regalerà uno di quei big match che tutti i tifosi aspettano con maggiore ansia: allo stadio Giuseppe Meazza, infatti, andrà in scena il Derby d’Italia tra Inter e Juventus.

Non sarà, come ovvio che sia, una partita come tutte le altre, soprattutto dopo quanto successo nell’estate del 2006 con le note vicende di Calciopoli. Una vicenda che non si è ancora chiusa, ma che anzi continuerà a imperversare ancora per diverso tempo nelle cronache sportive e non.

Ma quella di domenica sera sarà una gara vera, che potrà dire molto su quello che potrebbe riservare il futuro di entrambe le formazioni: l’Inter di Mancini, che a San Siro non batte la Juventus addirittura dal lontano 2010, con una vittoria potrebbe escludere (quasi) del tutto i bianconeri dalla lotta per lo Scudetto.

Attualmente, infatti, sono ben 8 i punti che dividono le due squadre e in caso di successo i nerazzurri andrebbero addirittura a +11, distanza quasi incolmabile anche per la squadra che ha vinto gli ultimi quattro Scudetti.

Ed è proprio per questo motivo che la è la Juventus ad avere più da perdere da questa sfida, che, ormai si è capito, è obbligata a vincere per avere ancora qualche speranza di mantenere il tricolore sul petto.

Ma si sa, Inter-Juventus è una di quelle partite a sé, che escono da qualsiasi tipo di logica, una di quelle sfide in cui non sempre vince chi è favorito sulla carta. Ma è anche una di quelle gare che i tifosi non vorrebbero mai perdere, soprattutto per il valore che ha assunto nella storia questa partita: in fin dei conti, è proprio per questa ragione che viene definito Derby d’Italia….

I precedenti – Quello di domenica sarà il 113esimo Derby d’Italia che si disputerà a San Siro: nei 112 precedenti (tra campionato e Coppa Italia), sono state 48 le vittorie dell’Inter, 34 pareggi e 30 successi della Juventus, con 181 goal nerazzurri e 132 bianconeri.

La prima sfida risale al 28 novembre 1909, che ha visto la squadra di casa vincere con il punteggio di 1 a 0.

La vittoria più larga dell’Inter al Meazza è datata 4 aprile 1954, quando i nerazzurri si imposero con un tennistico 6 a 0; quella della Juve, invece, risale alla stagione ’74-’75, quando in un incontro valevole per la Coppa Italia i bianconeri vinsero addirittura per 6 a 2 (questa partita corrisponde anche alla match con più goal disputato dalle due formazioni).

L’ultimo incontro tra Inter e Juventus, giocato lo scorso 16 maggio, ha visto la squadra di Allegri, che aveva già vinto il campionato, imporsi a San Siro per 2 a 1.

Le probabili formazioni – Mancini farà di tutto per recuperare Stevan Jovetic, fermo ai box dalla partita contro la Fiorentina, quando si fermò durante il riscaldamento a causa di un problema muscolare.

Il tecnico jesino sembra intenzionato a schierare un 4-3-3, con Handanovic tra i pali e la linea difensiva a 4 composta da Santon a destra e Juan Jesus (favorito su Telles) sulla corsia opposta, con Miranda e Murillo come coppia centrale.

A centrocampo sembra essere recuperato Kondogbia, uscito malconcio dall’ultima gara contro la Sampdoria; oltre al francese, a completare il reparto saranno Felipe Melo e Guarin, in vantaggio rispetto a Medel.
Il tridente d’attacco, invece, vedrà all’opera Jovetic, come già scritto in precedenza, che sarà affiancato da Icardi e Perisic.

In casa bianconera, invece, si valutano con attenzione le condizioni di Pogba (rientrato in anticipo dalla Nazionale francese a causa di una distorsione alla caviglia) e di Morata, che, dopo aver temuto il peggio, sta recuperando dalla forte contusione al perone. La sensazione, comunque, è che entrambi saranno della partita.

Allegri, inoltre, a centrocampo recupera anche Marchisio, fermo ai box da circa un mese: il resto del reparto sarà completato da Khedira in mezzo al campo e da Cuadrado e Evra che agiranno sulle corsie laterali.

La difesa a tre, davanti a Buffon, sarà formata da Barzagli, Bonucci e Chiellini, mentre il partner d’attacco di Morata con ogni probabilità sarà Dybala. Se l’attaccante spagnolo non dovesse farcela, sarà Zaza a prendere il suo posto.

Inter (4-3-3): Handanovic; Santon, Miranda, Murillo, Juan Jesus; Guarin, Melo, Kondogbia; Jovetic, Icardi, Perisic. All.: R.Mancini.

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Cuadrado, Marchisio, Khedira, Pogba, Evra; Morata, Dybala. All.: Allegri.