Ghirardi: curiosità e news sull’imprenditore e dirigente sportivo

Tommaso Ghirardi nasce a Brescia il 10 maggio del 1975. E’ conosciuto per essere un noto imprenditore e un dirigente sportivo ma anche per essere l’ex proprietario della squadra del Parma.

Tommaso Ghirardi: carriera

Ghirardi inizia la sua carriera professionale lavorando nell’azienda appartenente alla sua famiglia, La Leonessa Spa, per poi lanciarsi nel settore calcistico nel 1998, comprando l’Associazione Calcio Carpenedolo, che all’epoca giocava in Terza Categoria.

In qualche anno Tommaso Ghirardi riesce a portare il Carpenedolo a un buon livello calcistico, facendo debuttare la squadra, nel 2004, a livello pro nella serie C2. Un ottimo campionato anche quello dell’anno dopo, quello del 2005-2006, porta il Carpenedolo a sfiorare la promozione in C1, che perde però ai play off contro l’Ivrea.

Tommaso Ghirardi però ha sempre avuto ambizioni molto più alte, come la serie A, ed è così che, nel 2006, si avvicina al mondo dorato della massima serie acquistando la squadra del Parma che aveva bisogno di un nuovo proprietario.

L’occasione era davvero ghiotta e Ghirardi non se l’è lasciata sfuggire, da buon imprenditore. Tommaso Ghirardi acquista quindi il Parma insieme alla Banca Monte Parma e ad Angelo MedeghiniLa sua avventura nel Parma non inizia nel migliore dei modi perché alla squadra mancava lo sprint giusto per potersi distinguere in campionato. Un’inversione di rotta però, dopo le prime cinque partite, inizia a far decollare questa avventura che porta il Parma a salvarsi e a proseguire la sua militanza nella massima serie italiana, giunta al 18esimo campionato consecutivo.

In questo suo periodo di presidenza del Parma, Ghirardi si trova davanti a una situazione di passivo della società equivalente a circa 11 milioni di euro. Situazione che cerca di risollevare muovendo coscienziosamente i calciatori tra una manovra di acquisto e una di vendita passando per le cessioni, i prestiti e i riscatti.

L’impegno però non è bastato perché, nella stagione successiva, sempre sotto la presidenza di Ghirardi, il Parma retrocede in serie BTommaso Ghirardi si distingue come imprenditore e presidente per la sua forte tenacia e determinazione e non accoglie di buon grado la retrocessione. Nella stagione di militanza del Parma in serie B lavora quindi affinché questo momento non diventi una stasi ma sia uno sprone e ritornare nella massima serie.

Ingaggia a questo punto Francesco Guidolin per un anno, opzionando il secondo anno di contratto a fronte di un ritorno della squadra in serie A. Risultato che ottiene e che porta avanti anche con il piazzamento in Europa League, mai disputata per un ritardo nei pagamenti IRPEF.

Tommaso Ghirardi: dimissioni e accusa di bancarotta fraudolenta

Purtroppo negli anni a seguire, parliamo del 2014-2015, le cose non si mettono bene per l’imprenditore bresciano che si trova costretto a dare le sue dimissioni dalla presidenza del Parma e a vendere le sue quote in seguito al mancato ottenimento della Licenza UEFA per il ritardo del pagamento. Questo porta l’imprenditore ed ex presidente Tommaso Ghirardi a essere iscritto al registro degli indagati per bancarotta fraudolenta.