Frutta esotica: qual è? Benefici, calorie e controindicazioni

Tanti sono i frutti esotici che possiamo trovare nelle frutterie, ma che non fanno parte della dieta mediterranea. Tuttavia tutta la frutta esotica contiene tante proprietà e offre molteplici benefici.

Molti già li conosciamo come l’avocado, il cocco, la papaya, il mango e il frutto della passione, ma ne esistono talmente tanti che sarebbe impossibile elencarli tutti.

L’avocado è un “burro” naturale che è ottimo per controllare e abbassare il colesterolo. Utile anche per aumentare la produzione delle piastrine.

Il mango ha bassissime calorie, al contrario di quanto si creda. I suoi zuccheri sono totalmente di fruttosio, questo vuol dire che sono altamente digeribili. Ricca di vitamina A e anche C, utili in post abbronzature. Infatti, essendo ricco di vitamine idratanti, aiuta la pelle a ricompattarsi e a non invecchiare.

Il cocco, da sempre, già nell’antica Roma, era un frutto che riusciva a combattere l’arsura estiva. Dissetante, ma con ricco di calorie. Per 100 grammi di cocco troviamo circa 350 calorie, quindi consumarlo sì, ma con parsimonia.

Per quanto riguarda la papaya è quella a più bassa quantità di calorie. Ne troviamo circa 28 su 100 grammi. Si parla di un frutto ricco di carotenoidi e vitamine che permettono di avere una produzione uniforme della melanina.

Il frutto esotico conosciuto come “passion fruit”, cioè il frutto della passione, ha una presenza di calorie di 97 su 100 grammi, ma è altrettanto energizzante.

Buona anche se secca

La frutta esotica secca offre la possibilità di essere mangiata anche in spiaggia. Si parla di un prodotto che è totalmente privo di acqua, poiché disidratata. Contiene molte vitamine A, B, C con minerali utili al nostro organismo.

Il procedimento di essiccazione della frutta esotica secca non danneggia i nutrienti e le proprietà che trattengo. Proprio per questo è consigliata come snack da mangiare in spiaggia.

Frutta esotica proprietà

Un mix di frutta secca permette di assumere molti minerali, come magnesio, calcio e anche potassio. Minerali che aiutano l’idratazione nelle giornate calde e afose. Inoltre troviamo sempre una grande quantità di vitamine A, B e C.

Tuttavia, proprio perché si parla di frutti che sono particolarmente ricchi di zuccheri naturali, si deve comunque assumerne in dosi consigliate. La quantità minima è di 130 grammi al giorno. La quantità massima deve essere di 250 grammi al giorno.

Strani frutti esotici

Si vede un aumento della consumazione di frutta esotica, anche di quella piu strana.

La carambola, la combava, la curuba, il cherimoya e la chayote, ne sono alcuni. La frutta esotica strana sta incuriosendo molto il mercato italiano e troviamo anche che c’è un aumento della richiesta.

Altri frutti che vogliamo elencare perché hanno una grande quantità di antiossidanti, sono la mano di Buddha, il lullo, il duriano e il Kiwano.