Come usare le opzioni binarie per guadagnare su internet

Generalmente, in periodi di estrema crisi, le persone aguzzano l’ingegno, andando a cercare nuove possibilità, grazie alle quali mantenere inalterato il proprio standard di vita. Tra le nuove frontiere del guadagno, troviamo anche il trading online, capace, in pochi anni, di catalizzare l’attenzione di migliaia di investitori.

Eppure, sarebbe un errore pensare che la suddetta attività possa generare facili introiti; coloro che praticano il trading sono infatti, genericamente, professionisti del settore, forti dei tanti anni di esperienza maturati.

Ciononostante, non è detto che un utente alle prime armi, non possa addentrarsi in questo magico, ma allo stesso tempo insidioso mondo. Prenderemo dunque in esame il metodo più sfruttato dagli investitori sparsi nel globo, ovvero le opzioni binarie.

L’intero web pullula di guide et similia ricche di definizioni, ma povere di informazioni, tali da preparare il nuovo trader a ciò che lo aspetta. Partiamo innanzitutto dal presupposto che le opzioni binarie non generano facili guadagni. Nonostante possa apparire una banalità, questo concetto è fondamentale per un sano approccio al settore. Ciò che altresì è importante sottolineare, riguarda il necessario e capillare studio di quelli che sono i trend (ovvero le tendenze del mercato) del passato. Senza questi ultimi non sarà infatti possibile prevedere i trend futuri. Monitorare attentamente i grafici a candela, tipici di ogni broker online, appare dunque imprescindibile ed indispensabile.

Dopo un’attenta analisi di quanto scritto, è ora il momento di loggarsi ad una piattaforma online, attraverso cui poter investire i propri capitali. Il consiglio è quello di partire da un broker di opzioni binarie regolamentato dalla Consob, aspetto che riteniamo essere fondamentale per assicurarsi una scelta professionale. Sarà dunque di fondamentale importanza costruire il proprio money-managment. Nel caso in cui siate neofiti del settore, è bene mantenere il proprio portafoglio su standard non troppo alti (cifre dai 500 ai 1.000 euro sono più che sufficienti), così da investire ogni volta importi che non superino il 2-3% del capitale (i professionisti si spingono ad un massimo di 5%).

Ma cosa sono le opzioni binarie? Come suggerisce il nome le opzioni binarie permettono al trader di investire soltanto su uno di due possibili risultati, ovvero trend negativo (segno -) o trend positivo (segno +). A seconda della tendenza (anche detta asset), infatti, valute, indici e materie prime si muoveranno verso l’una o l’altra direzione; dovremo essere noi bravi a prevedere quale essa sia. Ecco perché il discorso della “storia” delle tendenze, assume un significato estremamente importante, poiché le stesse si ripetono incessantemente nel tempo.

Sta a noi, come scritto in precedenza, non farsi prendere dall’impazienza e dall’avidità, fattori fuorvianti ed illusori. Il segreto, almeno all’inizio, è investire poco ed in maniera ponderata, per poi muoversi, una volta acquisita la giusta preparazione, su cifre di più alto spessore.