Brescia: che cosa vedere, curiosità e come arrivare

Ancora fuori dalle rotte turistiche più note, ma amatissima dagli appassionati delle città d’arte italiane, Brescia è un piccolo gioiello pieno di tesori tutti da scoprire: la “leonessa d’Italia”, come la definì il poeta Carducci, è infatti ricchissima di piazze monumentali, chiese antichissime, opere d’arte uniche al mondo e persino un sito Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Cosa vedere a Brescia

Una visita a Brescia non può che iniziare dalle sue piazze magnifiche: la principale è la Piazza della Loggia, tristemente famosa per un attentato negli anni ’70, ma così bella che non si può non rimanerne incantati. È il luogo di ritrovo preferito dei bresciani e sul suo perimetro spiccano la splendida loggia di marmo bianco riccamente scolpito e la maestosa Torre dell’Orologio del 1540, dominata da un grande orologio meccanismo che indica i segni zodiacali e le fasi lunari.

Bellissima anche la celebre Piazza dei Due Duomi, dove si affacciano le due cattedrali della città: la Cattedrale Estiva di Santa Maria Assunta, il duomo nuovo, e la Concattedrale Invernale di Santa Maria Assunta, il duomo vecchio. La piazza, inoltre, ospita il Palazzo del Borletto, l’edificio più antico di Brescia e inconfondibile con la sua torre in pietra merlata.

Il simbolo più conosciuto di Brescia, però, è il Castello: sorge sul Colle del Cidneo, fu occupato da Celti e Romani ed è una delle fortezze più grandi e meglio conservate d’Italia. Oggi visitare il complesso vuol dire attraversare vicoli, stradine, e vari itinerari che toccano uno dei vigneti più antichi di tutto il Nord Italia, un doppio ponte levatoio, la camminata intorno al mastio, tour sotterranei e due musei, il Museo delle Armi Luigi Marzoli e il Museo Del Risorgimento.

Ugualmente iconico anche il Teatro Grande, fondato nel 1640 e oggi dichiarato Monumento Nazionale: visitabile su prenotazione, è incantevole con lo sfarzoso foyer, la sala delle statue e il salone della scenografia.

Per respirare gli antichi fasti dell’Impero Romano non si può fare a meno di visitare il tempio Capitolino, che insieme al teatro e al foro compone il complesso di rovine romane più importante dell’Italia del nord, dal 2011 dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

Infine, non si possono perdere le moltissime chiese bresciane: oltre alle due cattedrali, infatti, Brescia ha dei veri gioielli nascosti tra le sue vie, come per esempio la chiesa di Sant’Agata risalente al 1300, e la chiesa di Santa Maria dei Miracoli, magnifico esempio di arte rinascimentale.

Merita una visita anche il Museo di Santa Giulia, unico per la sua location in un monastero: al suo interno racchiude una basilica longobarda risalente al 753 d.C. e ancora oggi perfettamente conservata.

Curiosità e informazioni utili

  • Raggiungere Brescia in automobile è molto semplice, grazie alla sua posizione strategica sull’asse A4 Milano – Venezia. Inoltre ha una stazione dei treni servita sia da collegamenti regionali sia alta velocità, che permettono di raggiungerla dalle principali città italiane, ed è anche servita da quattro aeroporti, ovvero quelli di Bergamo, Verona, Milano Linate e Milano Malpensa.
  • Brescia Underground permette di scoprire la splendida Brescia sotterranea, grazie a un percorso che si snoda sotto il livello della strada e che comprende fiumi, canali e rogge.
  • La gastronomia di Brescia è tutta da scoprire: oltre alla squisita polenta taragna merita un assaggio la birra Wührer, la birra di produzione industriale più antica d’Italia, fondata da Franz Xaver Wührer nel 1829.