Art. 142 cds sui limiti di velocità: cosa sapere?

I limiti di velocità sono molto importanti e vanno rispettati durante la guida. Si sa che variano a seconda di dove ci si trova, sia in tangenziale che in un centro abitativo, e se non si mantengono queste condizioni si rischia di incorrere in gravi incidenti, oltre ai soliti tamponamenti. Andiamo a vedere meglio di cosa parla l’articolo 142 del codice stradale.

Di cosa parla l’articolo 142?

L’articolo 142, disciplina l’abuso della velocità da parte del guidatore. Assieme al 141, che lo precede, queste due leggi stabiliscono delle regole ben precise per quanto riguarda i limiti di velocità. Quest’ultimo infatti prescrive il dovere, da parte del guidatore, di adattare la velocità del proprio veicolo considerando le sue caratteristiche (massa della vettura e carico supportato), ma anche delle condizioni di traffico e quelle fisiche della strada. Considerando perciò l’articolo 141, quello seguente detta elementi di velocità massima, basandosi sul tipo di veicolo e la tipologia di strada che si affronta.

  • Autostrade: la velocità massima è 130 km/h, 110 km/h in caso di intemperie climatiche
  • Strade extraurbane principali: la velocità massima è 110 km/h, 90 km/h in caso di cattivo tempo
  • Strade extraurbane secondarie (e locali): in generale è 90 km/h ma la velocità massima in città è di 50 km/h, ma anche 70 km/h (in questi casi viene segnalato, anche se si abbassa a 30 km/h)

Limiti di velocità per categoria di veicolo

  • Ciclomotori: 45 km/h
  • Autoveicoli o motoveicoli di trasporto di merci pericolose: 50 km/h al di fuori dei centri abitati. 30 km/h nei centri abitati (quando sono carichi)
  • Macchine agricole e operatrici: 40 km/h se con pneumatici o altri sistemi simili. In tutti gli altri casi non possono superare i 15 km/h.
  • Quadricicli: non possono superare gli 80 km/h fuori città e dai centri abitati
  • Autrotreni o veicoli con rimorchio: 70 km/h in città e nei centri abitati. 80 km/h sulle autostrade
  • Autobus e filobus con massa a pieno carico sopra le 8 t: 80 km/h fuori città: 100 km/h sulle autostrade
  • Autoveicoli che trasportano cose con massa a pieno carico sopra le 3,5 t (fino a 12 t), e autocarri per il trasporto di persone superiore a 5 t: 70 km/h fuori città; 80 km/h sull’autostrada
  • Mezzi d’opera a pieno carico: 40 km/h in città e 60 km/h fuori città

Le sanzioni

Oltre a quali sono i limiti di velocità, articolo 142 del Codice stradale regola che il tipo di sanzione in base agli eccessi di velocità:

  • fino a 10 km/h: multa da 39 a 159 €
  • fra i 10 e i 40 km/h: multa da 159 a 640 € più 3 punti in meno sulla patente
  • tra 40 e 60 km/h: multa tra 500 a 2000 €, più 6 punti in meno e sospensione della patente da 1 a sei mesi
  • oltre 60 km/h: multa tra 779 e 3119 €, 10 punti in meno e sospensione della patente da 1 a 12 mesi.
  • se si infrange la stessa norma per più di una volta nell’arco di due anni viene revocata la patente.ù
  • per i neopatentati e i conducenti dei trasporti le sanzioni sono maggiorate.